Calzificio Abbandonato - UrbexSquad
352074
post-template-default,single,single-post,postid-352074,single-format-video,theme-moose,eltd-cpt-2.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-3.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,woocommerce_installed,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

DIFFICOLTA'
50%

CONDIZIONI STRUTTURALI
75%

GIUDIZIO PERSONALE
70%

NIGA CALZE:

Di solito non ci fanno impazzire le fabbriche, ma quando riusciamo a trovare ancora gran parte dei macchinari e degli effetti personali di chi ci lavorava, è sempre un’emozione, perché come nelle abitazioni privare si riesce ad entrare in contatto con la vita quotidiana e privata di chi ha vissuto tra quelle mura anche solo per lavoro. Il calzificio è stata una di queste esplorazioni e mai ci saremmo aspettati di trovare così tanti oggetti e di vedere dei macchinari di cui non conoscevamo minimamente l’esistenza e l’utilizzo.

La fabbrica di calze in questione gode di una lunga storia alle sue spalle. Oltre ad una rete commerciale internazionale, ha potuto vantare come suoi clienti Papa Giovanni Paolo II e l’ex presidente degli Stati Uniti George Bush. Inoltre ha prodotto calze per le principali squadre italiane di calcio, come Juventus, Inter e Milan. Purtroppo nel 2009, dopo ben 57 anni di attività, la fabbrica è costretta a chiudere, causa crisi economica e del settore tessile, e manodopera estera più economica.

I macchinari per la tessitura e il confezionamento delle calze, sportive e non, e di alcuni complementi di biancheria, sono tutti rimasti bloccati e cristallizzati nel tempo, fermi in attesa di una ripartenza che purtroppo non avverrà mai. A completare il giro, riusciamo a trovare l’ufficio del boss e trovarsi in quella stanza fa tutto un altro effetto, anche se attorno tutto tace.

 

GUARDA LA GALLERYGUARDA LA GALLERY

Nessun Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.