Fabbrica del Topo - UrbexSquad
353200
post-template-default,single,single-post,postid-353200,single-format-video,theme-moose,eltd-cpt-2.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-3.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,woocommerce_installed,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

DIFFICOLTA'
30%

CONDIZIONI STRUTTURALI
65%

GIUDIZIO PERSONALE
75%

FABBRICA DEL TOPO:

Non sempre sono le ville a sorprenderci, questa fabbrica è davvero un piccolo scrigno del tesoro. Un tesoro urbex naturalmente.

Raramente ci capita di trovare così tanti oggetti e tanta vita vissuta all’interno di uno stabile abbandonato, nonostante sia facilmente accessibile dalla strada principale del paese in cui è situato. Per fortuna si sono ancora conservate le stanze, gli uffici arredati, i laboratori, i documenti dei responsabili e gli effetti personali degli ex operai che lavoravano in quella fabbrica, come i libri paga, le tessere aziendali e così via, insieme anche a delle fotografie ormai d’epoca.

La fondazione di questa fabbrica va molto indietro nel tempo e abbiamo anche una data precisa: 1871. Anno in cui un industriale del tempo decise di avviare questa attività produttiva, nell’area di una ex dogana austriaca. La produzione riguardava principalmente fiammiferi e nel corso dei decenni si espanse sempre di più, dando lavoro ad un migliaio di dipendenti negli anni del suo maggiore sviluppo durante il XX secolo, diventano un punto importante per la zona e per le famiglie dei propri lavoratori.

Nei primi anni del Novecento la produzione di ampliò con l’apertura del settore cartiera e verso gli anni ’50 anche di accendini e simili. Questo mix “incendiario” fu un grande successo per l’azienda, fino alla fine del secolo verso i giorni nostri, per un problema di competitività sul mercato con concorrenti stranieri molto più economici rispetto agli standard abituali. Questo portò la fabbrica ad una lenta ma inesorabile fine, che culminò intorno al 2002 con la sospensione definitiva della produzione e la perdita del lavoro dei propri dipendenti data la chiusura dell’attività.

Un’area che ha subito negli anni recenti dei tentativi di riqualificazione che però purtroppo ad oggi non hanno ancora avuto esito né visto la luce, ma rimane sempre la speranza di rivedere risorgere questa zona che un tempo era il fiore all’occhiello del settore produttivo della regione per quanto riguardava la sua produzione.

Un pensiero di Urbex Squad va sempre a tutte queste persone che hanno perso il lavoro e sono state in difficoltà, e alle persone tutt’oggi in condizioni simili. Sono storie personali intrecciate nella storia di qualcosa più grande e nell’identità di un paese che porterà per sempre una cicatrice di quanta storia industriale ha avuto luogo dentro i propri confini.

 

GUARDA LA GALLERYGUARDA LA GALLERY

Nessun Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.