Villa del Dentista - UrbexSquad
352049
post-template-default,single,single-post,postid-352049,single-format-video,theme-moose,eltd-cpt-2.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-3.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,woocommerce_installed,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

DIFFICOLTA'
100%

CONDIZIONI STRUTTURALI
80%

GIUDIZIO PERSONALE
100%

VILLA DEL DENTISTA:

Sottovoce. Questa è la parola d’ordine di questa esplorazione.

Sottovoce perché è un posto delicato e vicino ad altre case che controllano e proteggono questa villa da gente malintenzionata, data la sua condizione di abbandono di decenni.

La casa in questione si trova in un piccolo paesino in mezzo alle colline ed è stata abitata per generazioni da una famiglia benestante. I primi proprietari erano padroni di un’azienda agricola, terreni e immobili nella zona e tutti gli uomini della famiglia avevano studiato medicina all’università. Alla morte dei genitori, la proprietà venne ereditata dai tre figli, tra cui uno, che praticava la professione di dentista in un paese lì vicino e a cui venne assegnata la casa, nella quale poi si trasferì. Date le grandi dimensioni dell’abitazione, egli decise di adibire il piano terra a studio dentistico “casalingo” e lì si mise a lavorare ricevendo i propri pazienti. Qui purtroppo finisce ciò che sappiamo e in questo buco temporale si arriva fino agli anni 2000 nei quali si accerta il suo abbandono, forse già avvenuto negli anni ’90, probabilmente a seguito della morte della vedova del dentista e di nuove vite intraprese dai loro figli.

Aggirarsi per le magnifiche stanze di questa villa è quasi surreale e l’emozione è forte. Solo nel salone principale ci si potrebbe perdere tra i dettagli e gli oggetti personali e culturali. Librerie piene di libri e fascicoli d’epoca, un pianoforte con una genetta impagliata, una tavola imbandita e la statua di un guerriero la centro.

I dettagli di questa bellissima casa abbandonata sono veramente molti e troviamo anche delle lettere personali sparse sul letto della camera al piano superiore. Ogni volta è una stretta al cuore, perché si riesce ad entrare in contatto quasi diretto con chi ha abitato quelle mura in passato e si conoscono tracce della loro vita di allora. Infine lo studio dentistico al piano terra è qualcosa che va oltre ogni più ardito desiderio di un esploratore urbano. È ancora perfetto e cristallizzato nel tempo, e ci sono ancora tutti gli attrezzi del mestiere ancora ordinati e appoggiati come se fossero esposti in un museo. Veramente un tesoro.

 

GUARDA LA GALLERYGUARDA LA GALLERY

Nessun Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.