Villa Gemma - UrbexSquad
352021
post-template-default,single,single-post,postid-352021,single-format-video,theme-moose,eltd-cpt-2.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-3.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,woocommerce_installed,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

DIFFICOLTA'
40%

CONDIZIONI STRUTTURALI
30%

GIUDIZIO PERSONALE
60%

VILLA GEMMA:

L’esplorazione di Villa Gemma non è delle migliori a livello di location. La villa è ormai lo scheletro di sé stessa ed è costellata di centinaia di crepe di ogni dimensione e crolli importanti in molti suoi punti, sia sul soffitto che sul pavimento. Però nonostante tutto questa villa ci comunica qualcosa e noi siamo lì con l’orecchio teso ad ascoltare. Una volta dentro si riesce a vedere oltre alle parti crollate, oltre alla distruzione e al caos generale, e si vedono dei soffitti affrescati ancora perfetti, si vede una parvenza di vita ancora nella camera da letto e quel cappello vicino alla giacca appoggiata sulla sedia è l’immagine più umana e intima che si possa avere di una persona che non c’è più, ma sembra possa tornare da lì a cinque minuti. Cinque minuti che sono durati forse cinquant’anni.

Villa Gemma secondo alcune fonti è stata eretta addirittura nel 1500, mentre altre, forse più attendibili, la vedono come dimora nobiliare del 1800, ma è agli inizi del Novecento che gode del suo momento di maggior gloria e bellezza. I primi segni di decadenza iniziano intorno agli anni ’70 e da lì è l’inizio della fine. Morto l’ultimo proprietario, probabilmente di vecchiaia, la villa viene abbandonata non si sa bene per quale motivo, se per mancanza di eredi o se per disinteresse nel suo costoso mantenimento. Tutto ciò l’ha resa ad oggi una delle ville più pericolanti mai esplorate da noi!

La villa in sé è purtroppo lo spettro del suo passato e i crolli e le mille crepe ne sono la testimonianza. Nonostante tutto ci sono dei soffitti incredibilmente affrescati e dei dettagli in giro per la casa che fanno ancora immaginare la presenza umana di un tempo andato. Molto interessanti anche i casolari adiacenti della proprietà, zeppi di oggetti tra cui un bellissimo passeggino e un televisore molto vecchio. Purtroppo la scala principale è veramente messa male e accedere al primo e secondo piano è veramente delicato e del tutto sconsigliato dato l’elevato pericolo di crollo e di farsi molto male.

 

GUARDA LA GALLERYGUARDA LA GALLERY

Nessun Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.