Villa Velluto Verde - UrbexSquad
350506
post-template-default,single,single-post,postid-350506,single-format-video,theme-moose,eltd-cpt-2.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-3.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,woocommerce_installed,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

DIFFICOLTA'
20%

CONDIZIONI STRUTTURALI
70%

GIUDIZIO PERSONALE
80%

ESPERIENZA:

Freddo. Freddo che ti entra nelle ossa. Condizioni climatiche che farebbero desistere molti da un’esplorazione, ma è proprio qui che si vede il vero fuoco dell’esploratore urbano. Villa Velluto Verde ci accoglie al riparo delle sue vecchie mura, ancora solide e per nulla sconfitte dal passare del tempo. L’atmosfera che si respira all’interno è ancora quella domestica, con ancora molti dettagli dell’arredamento che si indovinano da dietro le porte spalancate delle grandi stanze riccamente decorate. L’immensa veranda dona un respiro di luce a tutto il primo piano della casa, con uno sguardo maestoso sul panorama adiacente tutto saporitamente addormentato sotto un soffice velo di neve. Sempre sul medesimo piano ecco la stanza che dà il nome alla villa, pareti completamente verdi che ti avvolgono su tutti e quattro i lati e lasciano il sapore di una ricchezza artistica prima che economica di altri tempi. Una delicatezza rara, proprio come il velluto. Meravigliosi affreschi ingabbiano anche l’ultima stanza, dove un divanetto, rosso e solitario, ci osserva in silenzio come un muto ringraziamento per non averlo dimenticato. Una solenne scalinata di marmo conduce i nostri corpi e i nostri animi al piano superiore, con le camere da letto e i bagni ancora cristallizzati nel tempo.

L’ultima immagine è di un dolce caminetto, ancora piastrellato che ci saluta con un monito in latino “Fide Consilio Manu”.

 

 

Accesso molto semplice e tranquillo dal cancello principale aperto. Una volta dentro ci si cala in un mondo parallelo, e i colori degli affreschi e degli arredi danno quel tocco di saturazione che rende tutto più magico di quello che già appare. Le condizioni strutturali erano abbastanza buone al momento della nostra visita, salvo qualche punto al piano di sopra di cui è meglio non fidarsi troppo. La scalinata principale è davvero imponente, ma la sorpresa più grande è all’esterno, passando per i sotterranei.

 

GUARDA LA GALLERYGUARDA LA GALLERY

 

Nessun Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.